Bilancella - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Bilancella

Agonismo

La pesca con la bilancia o "bilancella" è una tecnica molto valida, anche se sempre meno conosciuta specialmente tra i giovani sedotti dalle altre tecniche specialistiche che il mercato gli propina. Il momento migliore per praticarla coincide con le piene dei fiumi, quando utilizzare altre tecniche di pesca risulterebbe vano. Quando i fiumi iniziano a gonfiarsi, i pesci non potendo più sostenere le forza della corrente si rifugiano vicino alle sponde, dove rimangono finché il fiume non torna normale. Si creano così concentrazioni di pesci (barbi, cavedani, carpe, tinche e lucci) che diventano facili prede del pescatore con la bilancella. In questo frangente la bilancia può trasformarsi in una tecnica micidiale se il pescatore che la pratica ha un'ottima conoscenza del fiume e della conformazione della sponda. Di solito i punti che si rivelano migliori una volta, lo sono anche a quella successiva.
L'attrezzatura per praticare questa pesca è molto semplice: un palo lungo 4-5 metri molto robusto (ne esistono sia ad innesti che telescopici); all'estremità un anello in metallo a cui viene legata una cordicella lunga poco meno del palo. All'altra estremità della cordicella vengono legate quattro bacchette metalliche lunghe sui 2 metri e molto flessibili; le loro estremità sono ricoperte di cappucci in piombo che appesantendo il telaio gli permettono di raggiungere il fondo seguendo una traiettoria verticale.
Come abbiamo detto il momento migliore per praticare questa pesca è durante le piene, ma non solo. Spesso nei fiumi di pianura esistono punti in cui l'acqua forma dei "gorghi" in buche molto favorevoli all'uso della bilancia. E' ovvio che nel praticare la pesca con la bilancia si debba ragionare in maniera molto diversa a come si ragiona nel praticare altre tecniche di pesca, anche perché in questa circostanza non si usano pasture che possono richiamare i pesci, ma occorre andarli a cercare in quei punti che costituiscono una "sosta abituale" per loro, e quindi in ambienti dove la corrente può trasportare il loro cibo naturale. Perciò il pescatore con la bilancia deve possedere un ottimo "senso dell'acqua". Se vale il principio che i pesci vanno cercati nei posti dove abitualmente sono stati pescati, per lo stesso principio è sempre meglio non insistere in quelle zone o punti d'acqua che non hanno mai dato buoni risultati, perché in condizioni normali continueranno ad essere infruttuose. I momenti migliori per praticare questa pesca sono quelli di maggiore attività per l'ittiofauna, privilegiando ambienti con acqua torba o velata e scartando quelli con acqua limpida, dove l'inganno risulterebbe troppo evidente alle prede. Nell'acqua torba viene mantenuta la rete ferma sul fondale per un paio di minuti o più (la durata è discrezione del pescatore), con la corda in tensione e tenuta ferma, dopodiché si alza l'attrezzo con una certa forza e con decisione. La rete emerge dall'acqua formando una profonda pancia che garantisce il trattenimento dell'eventuale pesce così intrappolato.
La bilancia viene sempre praticata dalla sponda a "piede asciutto" anche perché in molte regioni italiane è proibito praticarla entrando con i piedi in acqua... e in ogni caso sarebbe inutile. Si tratta di una pesca di forza (specialmente se il pescatore solleva la rete al passaggio di un branco di pesci che nel recupero potrebbero metterlo seriamente in difficoltà). Le prime volte che si pratica questa pesca ci si trova impacciati a maneggiare il palo, la cui pesantezza aumenta al momento del salpaggio. Se si considera poi che la rete viene sollevata con una media di una volta ogni due-tre minuti, alla fine della battuta il pescatore si sentirà molto stanco e con la schiena indolenzita.
La pesca con la bilancia rimane comunque una pesca unica, affascinante; una pesca genuina che riesce a farci abbracciare e comprendere quell'entusiasmo che dovevano avere i nostri nonni che una volta la praticavano assiduamente.

Gara

Data

Campo gara

Settori

Giornata

Individuale

1




2




3




4




5




Classifica Progressiva Provinciale Bilancella a Squadre/Individuale anno 2018

Classifica Progressiva Provinciale Bilancella a Squadre anno 2018

Gara

Data

Campo gara

Settori

Giornata

Individuale

1




2




3




4




5




Classifica Progressiva Regionale Bilancella a Squadre/Individuale anno 2018

Classifica Progressiva Regionale Bilancella a Squadre anno 2018

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti