Delfino tursiope - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Delfino tursiope

Abitanti acque > Mammiferi marini

Classe: Mammiferi
Ordine: Cetacei
Famiglia: Delfinidi
Nome scientifico: Delphinus tursiops
Nome italiano: Delfino tursiope

Morfologia:
Il tursiope varia molto in forma, dimensione e colore da un individuo all'altro e in rapporto alla zona geografica in cui vive; difatti potrebbero esistere numerose differenti specie. In ogni caso sembrano esserci due principali varietà, una forma costiera più piccola e una firma più grande e robusta che vive principalmente al largo. Entrambe hanno una colorazione abbastanza complessa, sebbene in alcune condizioni di luce, in mare, appaiano uniformi, quasi senza caratteristiche particolari e di coloro grigio. Le sue caratteristiche principali sono la pinna dorsale scura e prominente accompagnata a un comportamento curioso e attivo: può essere confuso con altri delfini grigi quali la sotalia, lo steno, il grampo, le suse e le stenelle maculate.
Riproduzione e accrescimento:
Maturità sessuale: 6-8 anni -Riproduzione: solitamente in primavera o in estate - Periodo di gestazione: 10-12 mesi - Numero piccoli: 1 - Intervallo fra le nascite: 2 anni - Vita media 25 - 30 anni - Peso: da 150-650 Kg
Alimentazione:
capelan, acciughe, salmone, gamberi e calamari
Comportamento:
Molto attivo in superficie: effettua frequentemente dei lobtailing, nuota a prua e nelle scie delle barche, "fa il surf" con il proprio corpo, cavalca le onde di prua prodotte dalle balene, effettua dei breaching; (a volte saltano in alto alcuni metri). Si può trovare associato con molti altri cetacei, così come con squali e tartarughe marine. Individui solitari e selvatici (generalmente maschi) vanno alla ricerca di bagnanti e piccole barche, rimanendo nella stessa zona per anni. E' un buon nuotatore. Le immersioni sotto costa durano raramente più di 3 o 4 minuti, ma durano più a lungo al largo. Durante l'emersione mostra generalmente la fronte, raramente il rostro. In alcune zone spinge il pesce fuori dall'acqua, seguendolo sulla spiaggia, prima di tornare indietro dimenandosi. I gruppi si possono dare mutua assistenza l'un l'altro; qualche volta cooperano con i pescatori locali. Atto dello sbattere con violenza la pinna caudale sull'acqua, mentre la maggior parte del corpo resta sotto la superficie dell'acqua. Termine inglese che descrive l'atto di lanciarsi completamente (o quasi) fuori dall'acqua per poi ricadervi con grandi spruzzi.
Distribuzione:
E' abbastanza comune e ben distribuito, ma una calo del numero degli individui è stato recentemente osservato in alcune parti del Nord Europa, nel Mediterraneo e nel Mar Nero. Si trova in molti mari chiusi quali il Mar Nero, il Mar Rosso, il Mediterraneo e il Golfo della California (Mare di Cortez) in Messico. Alcune popolazioni pelagiche sembrano intraprendere migrazioni di tipo stagionale; molte popolazioni costiere sono residenti per tutto l'anno. Al di fuori delle acque tropicali sono più frequenti le forme costiere in una grande varietà di ambienti, dalle coste aperte con forti frangenti alle lagune, ai grandi estuari e alle zone più basse dei fiumi e dei golfi. Le specie pelagiche sono comuni attorno alle isole oceaniche, ma possono anche essere viste in mare aperto nel Pacifico orientale tropicale e in altre zone. Nella porzione più settentrionale dell'Oceano Atlantico è raro a nord del Regno Unito.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti