Leone marino - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Leone marino

Abitanti acque > Mammiferi marini

Classe: Mammiferi
Ordine: Carnivora
Famiglia: Otariidae
Nome scientifico: Eumetopias jubatus
Nome italiano: Leone marino

Morfologia:
Il pelo nel maschio è molto variabile, per lo più nero o marrone rossiccio, ma anche grigio scuro o grigio chiaro, spesso screziato di bianco; nelle femmine è prevalentemente marrone chiaro, negli individui giovani dapprima color ardesia o grigio-nero, successivamente color noce, sempre duro e lucido e inferiormente privo di peluria. Le pinne sono rivestite di una ruvida e robusta pelle, le orecchie cilindriche sono finemente ricoperte di pelo. Le setole bianche che orlano a mo' di baffi il labbro superiore possono raggiungere i 45 cm di lunghezza.
Riproduzione e accrescimento:
Il maschio può arrivare a 4 m di lunghezza, con una circonferenza minima di 3 m, può pesare 700 kg e oltre. Le femmine, come in tutti gli otaridi auricolati, sono decisamente più piccole e leggere. Nel periodo del parto e dell'accoppiamento sono i maschi anziani delle otarie leonine, come nella maggioranza degli Otaridi, che approdano per primi sui litorali sempre cercati con cura e a cui ritornano con regolarità.
Alimentazione:
Carnivoro.
Comportamento:
Man mano che col tempo nei maschi si spegne la vitalità sessuale prende il suo posto un forte spirito protettivo. Essi assumono allora il ruolo di sorveglianti delle femmine che si bagnano nell'acqua, custodiscono i piccoli rimasti a terra, facendo attenzione che le piccole otarie non si arrischino troppo al largo e non si allontanino dal branco. Per giorni e notti essi praticamente non chiudono occhio, se non per brevi mezz'orette. Quasi ininterrottamente fanno sentire al branco la loro poderosa voce per tranquillizzare, richiamare o ammonire. E non pretendono, per loro, nemmeno un boccone. Per tutto il tempo in cui rimangono sulla terraferma, che dura quasi quattro mesi, essi consumano solo la loro grande riserva di grasso.
Distribuzione:
Il leone marino di Steller (Eumetopias jubatus) vive nell'oceano Pacifico settentrionale, tra lo stretto di Bering e la California. Il leone marino sudamericano (Otaria byronia) è una specie di taglia più piccola, diffusa lungo le coste del Sud America. Il leone marino artico, o leone marino della California (Zalophus californianus), vive al largo della costa californiana e sulle isole Galápagos; In Australia vive la specie Neophoca cinerea; in Nuova Zelanda, Phocarctos hookeri.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti