Lucioperca o Sandra - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Lucioperca o Sandra

Abitanti acque > Pesci Alloctoni

Specie ittica: Alloctona
Classe: Osteitti
Ordine: Perciformi
Famiglia: Percidae
Nome scientifico: Stizostedion lucioperca
Nome italiano: Lucioperca o Sandra

Morfologia:
il Lucioperca o Sandra ha il corpo di forma allungata e il capo lungo e appiattito. La bocca è ampia e raggiunge il margine anteriore dell'occhio. Come nel Persico reale sono presenti due pinne dorsali contigue: la prima è sostenuta da 13-17 raggi spinosi, mentre la seconda ha i primi 3 raggi spinosi ed i restanti (da 19 a 24) molli e flessibili. Il dorso si presenta grigio-verde con macchie più scure a formare delle bande verticali sui fianchi che possono sfumare e scomparire negli esemplari più grandi; il ventre è bianco-argenteo.
Riproduzione e accrescimento:
la riproduzione avviene fra aprile e maggio, le uova misurano un diametro di 1-1,5 mm e vengono deposte a 1-3 m di profondità, su substrati ghiaiosi o ammassi di detriti vegetali. Il loro numero varia da 150.000 a 260.000 per Kg di peso corporeo. La schiusa si verifica dopo circa una settimana e le larve misurano circa 6 mm di lunghezza. La maturità sessuale viene raggiunta in un periodo compreso fra il 2° ed il 4° anno di età nei maschi e tra il 3°-5° nelle femmine. L'accrescimento è rapido: durante il primo anno di vita raggiunge una lunghezza di 10-15 cm, mentre a 6 anni misura fino a 55 cm. Gli esemplari di maggiori dimensioni possono raggiungere 130 cm di lunghezza ed un peso di 15 Kg
Alimentazione:
è un pesce molto vorace la cui dieta, fin dallo stadio giovanile, è costituita da larve di insetti, crostacei e pesci, che diventano la componente quasi esclusiva per gli esemplari adulti.
Habitat:
vive in acque stagnanti e nei tratti terminali dei corsi d'acqua (zona della Carpa e della Tinca
Comportamento:
è in genere sedentario e può vivere isolato o in piccoli branchi: di solito staziona nelle zone di maggiore profondità per avvicinarsi alle rive soltanto quando è in cerca di cibo
Distribuzione:
è una specie originaria dell'Europa centro-orientale, ma è stata introdotta in numerose altre regioni europee, Italia compresa. Fin dal 1964 è stato immesso nel Lago di Corbara, dove si è ben acclimatato, ed in seguito si è andato diffondendo anche in altre località, sia spontaneamente che per opera dell'uomo.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti