Megattera - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Megattera

Abitanti acque > Mammiferi marini

Classe: Mammiferi
Ordine: Cetacei
Famiglia: Balenopteridae
Nome scientifico: Megaptera novaeangliae
Nome italiano: Megattera

Morfologia:
L'animale presenta un corpo allungato, ma più robusto rispetto ad altri balenotteridi come la balenottera comune o la balenottera azzurra. Il capo è allungato, idrodinamico, compresso dorso-ventralmente, e spesso ricoperto da molte protuberanze e da colonie di cirripedi (i denti di cane). La gola è percorsa dai cosiddetti solchi golari. La pelle della gola forma cioè pieghe parallele che si estendono in direzione muso-coda. Questi servono alla megattera per poter ampliare la capacità della bocca, in modo da poter filtrare un maggior volume d'acqua. La caratteristica morfologica principale e maggiormente identificativa dell'animale è la lunghezza delle pinne pettorali, che possono misurare fino a 5mt. Il margine delle pinne pettorali e della caudale non è mai liscio e uniforme, ma presenta protuberanze distintive. La pinna dorsale è ridotta a una bassa gobba carnosa. L'animale risulta di colore grigio scuro, tranne che per le pinne pettorali e la parte inferiore della pinna caudale, che sono invece bianche.
Riproduzione e accrescimento:
Dimensioni: Maschio 11-17mt Femmina 11-19mt. Periodo di gestazione: 12 mesi. Lunghezza alla nascita: 4.6mt. Peso alla nascita: 2t. Periodo di allattamento: 5 mesi. Stagione riproduttiva: inverno. Durata di immersione: 30 minuti. Velocità di nuoto massima: 27 km/h
Alimentazione:
Le megattere si nutrono di invertebrati e piccoli pesci che catturano con una tecnica peculiare detta "rete di bolle". Avvistato un banco di pesci le megattere lo circondano e vi nuotano attorno emettendo bolle dallo sfiatatoio. Così intrappolati dalle bolle i pesci non han via di fuga; le megattere si immergono e emergono a bocca spalancata, raccogliendo così i pesci raggruppatisi.
Comportamento:
La megattera vive nei mari tropicali e polari, prediligendo le acque vicino alla costa. Per spostarsi dalle acque calde alle acque fredde le megattere compiono lunghissime migrazioni in piccoli branchi di 15 individui al massimo. Questo perchè in inverno, quando le acque polari son troppo fredde e coperte di ghiaccio, gli animali si spostano verso acque calde per riprodursi. Quando i cuccioli son cresciuti ed è tornata l'estate, gli animali si spostano nuovamente verso i poli ove trascorreranno mesi alimentandosi. Le megattere tra tutti i misticeti son quelle che compiono il maggior numero di "acrobazie": si rotolano, sbattono le pinne sull'acqua, emergono col muso come a volersi guardare attorno, e, unico caso tra i misticeti, sono in grado di saltare completamente fuori dall'acqua. Le megattere comunicano per mezzo di suoni a bassa frequenza. Questi sono molto caratteristici poichè son organizzati in canti altamente strutturati e complessi. Ogni canto è costituito da un minimo di due a un massimo di nove temi diversi che si susseguono in un ordine preciso. Ogni canto puo durare da pochi minuti a un'ora e mezzo. In qualsiasi bacino oceanico le popolazioni di megattere intonano lo stesso canto. Con il trascorrere del tempo il canto si modifica gradualmente e tutte le megattere, in tutto il mondo, seguono contemporaneamente questo mutamento. I canti vengono utilizzati dai maschi durante la stagione riproduttiva, e son richiami molto efficaci, poichè possono esser uditi da una megattera anche a migliaia di km di distanza.
Distribuzione:
Le megattere si possono trovare in tutti gli oceani, ma sono balene tipicamente costiere, che spesso si avvicinano molto alla costa fino a spingersi in piccole baie ed estuari. Ciò nonostante raramente si arenano sulle coste e contrastano, per questo, fortemente con le pseudorche. Esse migrano ogni estate verso le acque polari per nutrirsi e, quindi, tornano ai mari tropicali in inverno, allorché sono nati i piccoli e si svolge nuovamente l'accoppiamento. Sebbene vi siano popolazioni diverse, sia nell'Artico che nell'Antartico, possono avvenire degli scambi tra i due gruppi quando si muovono entrambi verso l'Equatore.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti