Misgurno o Cobite orientale di stagno - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Misgurno o Cobite orientale di stagno

Abitanti acque > Pesci Alloctoni

Specie ittica: Alloctona
Classe: Osteitti
Ordine: Cipriniforme
Famiglia: Cobitiidae
Nome scientifico: Misgurnus anguillicaudatus
Nome italiano: Misgurno o Cobite di stagno orientale

Morfologia:
il corpo è anguilliforme. La bocca presenta 6 barbigli superiori e 4 inferiori. La bocca è infera. Sono presenti due pliche a livello del peduncolo caudale (come il cobite mascherato). La spina suborbitale è riposta nella pelle e difficilmente percettibile (al contrario del cobite comune e di quello mascherato).
Riproduzione e accrescimento:
Ha un elevata potenzialità riproduttiva, effettuando più ovideposizioni nel periodo che, nei luoghi di origine, va da aprile ad ottobre. Lunghezza fino a 25 cm, peso fino a 100 grammi.
Alimentazione:
i giovani si nutrono di invertebrati acquatici. Gli adulti sono predatori e si cibano principalmente di pesci, grossi insetti, girini e anfibi adulti.
Habitat:
Il Misgurnus anguillicaudatus è un frequentatore di acque ferme o a debole corrente, con substrati fangosi o limosi, e giunge a colonizzare anche ambienti estremamente poveri di ossigeno. Ciò è dovuto alla capacità di utilizzare direttamente l'aria atmosferica assunta con la bocca, con una respirazione intestinale resa possibile dalla fitta rete di capillari presente nell'ultimo tratto del tubo digerente.
Comportamento:
Nei corsi d'acqua in cui è stato reperito in provincia di Pavia era prevalentemente presente nei sottoriva fangosi o negli accumuli di limo posti tra la vegetazione acquatica, spesso infossato nei sedimenti. E' un pesce di abitudini prevalentemente notturne, ma si riporta una sua intensa attività nei periodi immediatamente precedenti i forti temporali.
Distribuzione:
La prima segnalazione per le acque italiane risale al 1997 ed è riferita ad un esemplare proveniente dal Colatore Morasca, in comune di Carbonara al Ticino.I numerosi rinvenimenti e la presenza di giovani indicano che la specie è da considerarsi acclimatata in provincia di Pavia.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti