Persico trota o Blackbass - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Persico trota o Blackbass

Abitanti acque > Pesci Alloctoni

Specie ittica: Alloctona
Classe: Osteitti
Ordine: Perciformi
Famiglia: Centrarchidae
Nome scientifico: Micropterus salmoides
Nome italiano: Persico trota o Black bass

Morfologia:
il Persico trota, come la maggior parte dei Centrarchidi, possiede una sola pinna dorsale molto lunga con una profonda incisura mediana; la parte anteriore è sostenuta da raggi spiniformi, quella posteriore, più alta, è sostenuta da raggi molli. La bocca è grande; la mascella inferiore è prominente, quella superiore si allunga fino a raggiungere il bordo posteriore dell'occhio. Il dorso e i fianchi presentano generalmente una colorazione verdastra, più chiara ai lati dove si possono osservare, soprattutto nei giovani, macchie più scure che tendono a volte a riunirsi in una banda longitudinale.
Riproduzione e accrescimento:
si riproduce da marzo a luglio, quando la temperatura dell'acqua supera i 180 C. Il maschio scava un nido nella ghiaia o nella sabbia; le uova ivi deposte vengono custodite e difese da eventuali predatori. Alla schiusa gli avannotti misurano circa 12 mm; dopo un anno raggiungono i 10 cm. Può arrivare eccezionalmente ad una lunghezza di 70 cm e ad un peso di 10 Kg. La maturità sessuale viene raggiunta a 2-3 anni.
Alimentazione:
molto vorace; da una dieta a base di invertebrati, passa, già a 5-6 cm, ad alimentarsi di piccoli pesci. Da adulto, oltre che pesci, preda anche rane e tritoni.
Habitat:
predilige acque ferme o a lento corso; è abbastanza frequente nei piccoli laghi ricchi di vegetazione.
Comportamento:
specie che accudisce alla prole difendendo strenuamente le uova e poi i nati dalle aggressioni dei rivali. Il maschio usa corteggiare la femmina per invitarla a deporre le uova nel nido.
Distribuzione:
originario dell'America settentrionale, fu introdotto in Italia (Lombardia) verso la fine dei secolo scorso. E' stato diffuso successivamente in altre regioni settentrionali e centrali, sia per l'importanza che è andato assumendo presso i pescatori sportivi, sia per la predazione equilibratrice che esso opera soprattutto nei confronti dei Ciprinidi.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti