Pesce gatto - FipsasLodi

Associazione dei Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani
Sezione Provinciale Convenzionata F.I.P.S.A.S. - Milano/Lodi
Piazzale degli Sport, 1 - Lodi - Tel.02 2046863
Orari di Segreteria: da Lunedì a Giovedì - 9 * 12,30 - 13,30 * 17 - Venerdì - Sabato e Festivi chiuso
Vai ai contenuti

Pesce gatto

Abitanti acque > Pesci Alloctoni

Specie ittica: Alloctona
Classe: Osteiiti
Ordine: Siluriformi
Famiglia: Ictaluridae
Nome scientifico: Ictalurus melas
Nome italiano: Pesce gatto

Morfologia:
il Pesce gatto ha il corpo tozzo e privo di scaglie, la testa larga e compressa in senso dorso-ventrale. La bocca, molto ampia, è provvista di piccoli denti conici. Sul capo sono presenti 4 paia di barbigli: un paio presso i fori nasali, due sulla mandibola, l'altro all'angolo della bocca (questi ultimi sono molto più lunghi degli altri). E' presente la pinna adiposa. La pinna caudale ha il margine posteriore diritto o leggermente concavo. I primi raggi della pinna dorsale e della pettorale sono spiniformi. Barbigli, capo, dorso e fianchi nerastri, ventre giallastro o color avorio, membrane interraggiali molto scure. Può raggiungere eccezionalmente 60 cm di lunghezza, ma raramente supera i 35 cm. Il peso, che può arrivare ai 3 Kg, generalmente non oltrepassa i 650 gr.
Riproduzione e accrescimento:
la riproduzione avviene da marzo a luglio. Le uova vengono deposte in un nido scavato sul fondo o in un incavo naturale. Le uova schiudono dopo 8-10 giorni ad una temperatura di 18-20 C. La maturità è raggiunta a 2 anni.
Alimentazione:
è vorace predatore, attivo soprattutto di notte; si alimenta di uova, avannotti, girini, rane, larve di insetti, molluschi e, a volte, anche di vegetali.
Habitat:
vive nei laghi, negli stagni e nei fiumi a corso lento (zona a Ciprinidi). Predilige acque non molto profonde con fondali melmosi, ricchi di vegetazione. E' specie rustica, sopporta bene basse concentrazioni di ossigeno.
Comportamento:
nel periodo riproduttivo, durante il rituale dell'accoppiamento, il maschio e la femmina si scambiano energiche testate. E' da tale comportamento che deriva il nome inglese "bullhead" (testa. di toro) dato a questo pesce.
Distribuzione:
le 3 specie comparse in Italia agli inizi del secolo sono originarie del Nord America. Attualmente la sua presenza è accertata nelle regioni settentrionali, centrali e in Sardegna.

Copyright © 2004 - 2018 · FIPSAS LODI · all rights reserved.
Torna ai contenuti